Quasi ogni bambino sente durante la sua infanzia frasi come "non essere così triste", "non è buono per un ragazzo piangere", "non vergognarsi" o "una ragazza così bella, ma si arrabbia così tanto". Di solito sono pronunciate dalle persone più vicine a noi, genitori, nonni o fratelli maggiori. Purtroppo, questo è il modo in cui il bambino riceve il messaggio che le sue emozioni sono cattive. Una tale convinzione rimane nella vita adulta e adotta una strategia di soppressione dei sentimenti. Purtroppo, le conseguenze possono essere molto gravi.

Le emozioni fanno parte di te

Non per sentimenti buoni o cattivi, sono solo piacevoli e sgradevoli. Ognuno di loro dice qualcosa su di te, i tuoi sentimenti interiori o le tue reazioni alle circostanze esterne. Spesso emozioni come la rabbia o la rabbia possono verificarsi quando qualcuno cerca di rompere i tuoi confini - per esempio, ti incoraggia a bere alcolici quando non ne hai voglia. Pertanto, non vale la pena di negare le proprie emozioni e negarle. È bene esserne consapevoli per agire secondo se stessi ed essere guidati nella vita dai propri valori e bisogni. Grazie alla tua conoscenza di te stesso puoi essere una persona autentica, spontanea e assertiva.

Cosa succede se le emozioni sono soppresse?

Le emozioni spinte nel subconscio prima o poi saranno rivelate. Spesso il risultato della soppressione è una serie di sintomi somatici. Si può avere a che fare con insonnia, irritabilità, libido indebolito, frequenti cambiamenti di umore o anche depressione, nevrosi o ansia. Non puoi ingannare un organismo. Se agisci contro te stesso e contraddici i tuoi sentimenti, prima o poi questo comportamento si ritorcerà contro di te.

La soppressione delle emozioni aumenta anche il rischio di cadere in vari tipi di dipendenza, come l'alcolismo, la tossicodipendenza, la dipendenza dal tabacco, il sessaholismo o la pornografia. In questo modo, una persona ignaro delle proprie emozioni cerca di alleviare la tensione interiore. La dipendenza può provocare gravi malattie, problemi familiari o problemi legali.

Emozioni ovattate e relazioni interpersonali

Una persona che sopprime i propri sentimenti non è in grado di entrare in strette relazioni emotive con altre persone. Non sarà in grado di essere autentico nei suoi rapporti con loro, può ricorrere alla violenza o essere vittima di manipolazioni. Spesso si accumulano emozioni accumulate e non dette. In tal caso, possono rivelarsi sotto forma di comportamento aggressivo. In una situazione del genere, ci chiediamo cosa sia improvvisamente entrato nell'uomo così pacifico e ordinato.

Come esprimere le tue emozioni in modo sano?

Al fine di prevenire gli effetti negativi della soppressione delle emozioni, vale la pena di imparare ad esprimerle correttamente. È essenziale che ne parli in tempo reale con una persona di fiducia. Potrebbe essere un amico, un coniuge o uno psicologo. Vale anche la pena di chiedersi, alla fine di ogni giornata, quali sentimenti sono stati presenti in me durante le ultime 24 ore. Se, per esempio, le parole di qualcuno mi hanno fatto arrabbiare o frustrato, è meglio dirlo il prima possibile. L'opzione peggiore possibile è il silenzio, che nel caso di molte relazioni si trasforma in giorni, settimane o mesi di tranquillità.

Top